Che Cosa Collega i Muscoli alle Ossa?

In questo articolo vi spiegheremo esattemente che cosa collega i muscoli alle ossa, ma prima di iniziare occorre offrirvi alcune nozioni per contestualizzare la risposta (che riceverete a breve).

Dopo la nostra discussione sulle caratteristiche fondamentali dei muscoli del corpo umano e sui molti tipi di tessuto muscolare, rivolgiamo la nostra attenzione al muscolo scheletrico:

Il tessuto muscolare scheletrico (insieme al muscolo liscio e al muscolo cardiaco) è il più abbondante dei tre tipi di tessuto muscolare e rappresenta circa il 40% del peso totale del corpo di un uomo adulto.

Il muscolo scheletrico è, come suggerisce il nome, collegato alle ossa; quando si contrae e si rilassa, i segmenti ossei a cui è collegato si muovono in risposta alla contrazione e al rilassamento.

Al contrario, i muscoli scheletrici fungono da componente attiva del movimento, poiché possono contrarsi in risposta a un segnale nervoso e quindi fornire la forza motrice quando si verifica il movimento.

I tendini, che sono forti strutture fibrose con un piccolo grado di flessibilità, sono responsabili della trasmissione della forza muscolare alle ossa.

A seconda che i muscoli siano lunghi o larghi, il tendine può apparire come una corda o come una lamina fibrosa; in ogni caso, sarà saldamente attaccato alle regioni muscolari circostanti.

La giunzione miotendinea si produce quando il tessuto connettivo del muscolo e i fasci di collagene del tendine si uniscono.

Come risultato dell’unione forte e resistente a questo livello, le lesioni del tendine sono rare, e il tendine può facilmente staccarsi dal frammento osseo in cui si trova.

Il muscolo, d’altra parte, non spinge le ossa; piuttosto, le tira.

Per esempio, il muscolo bicipite brachiale, che ci permette di flettere gli avambracci, non è in grado di estenderli.

A causa del fatto che non sono in grado di fare il contrario di ciò a cui sono destinati, i muscoli operano in coppie o gruppi di antagonisti. In altre parole, ogni muscolo svolge una funzione diametralmente opposta. Usando l’esempio precedente, la contrazione del tricipite garantisce l’estensione dell’avambraccio durante la fase di estensione.

Il movimento è reso possibile dalla contrazione e dall’accorciamento di un muscolo, seguito dal rilassamento e dall’espansione dell’altro muscolo. Per questa ragione specifica, il bicipite e il tricipite sono esempi classici di coppie di muscoli antagonisti.

Mentre i muscoli ANTAGONISTI cooperano insieme per compiere un’azione, i muscoli agonisti lavorano uno contro l’altro per realizzare lo stesso compito. Questa differenza è fatta in base al modo in cui i muscoli lavorano (per esempio, i flessori e gli estensori sono antagonisti tra loro).

Per esempio, il brachiale e il bicipite, che agiscono in sinergia, così come l’anconeo e il tricipite, che lavorano insieme, sono esempi di muscoli agonisti.

I muscoli che cooperano insieme per compiere una certa attività sono chiamati agonisti e sinergisti, tra gli altri nomi. Si parla di muscoli sinergici quando assistono (permettono) il movimento generato dagli agonisti (o quando lavorano insieme).

A causa del fatto che si contraggono continuamente, i muscoli dello scheletro non sono mai completamente rilassati. Puoi ancora sentire i tuoi muscoli che si contraggono in modo sottile quando dormi, il che è noto come TONO MUSCOLARE.

Ecco un po’ di nomenclatura per te:

Estensione è la parola usata per descrivere l’azione di collegare i centri delle ossa che sono collegati con il muscolo insieme. Flessione è usata per descrivere l’azione di separare i centri delle ossa che sono collegati con il muscolo.

Ci si riferisce all’origine di un muscolo in termini di mobilità come l’estremità tendinea che è più vicina al tronco o che è attaccata all’osso più stabile; d’altra parte, l’inserzione si riferisce al luogo di impianto che è il più lontano o mobile in termini di mobilità (tira la testa dell’osso dietro di sé).

Ci sono numerosi tendini che si attaccano alla parte superiore e inferiore dell’avambraccio, come quelli che si trovano nei plessi brachiali, che si attaccano rispettivamente all’omero e all’ulna del braccio.

Ci sono anche numerosi tendini che si attaccano alla parte superiore e inferiore dell’avambraccio, come quelli che si trovano nei tendini flessori.

Poiché la funzione principale di questo muscolo è la flessione dell’avambraccio, il punto di inserzione sulla tuberosità dell’ulna viene chiamato sito di inserzione dell’ulna.

Il muscolo si distingue per una massa carnosa al centro, che viene chiamata ventre muscolare, se vista al microscopio.

La forza contrattile è proporzionale sia al volume che alla quantità di tessuto carnoso presente (generalmente, maggiore è il suo sviluppo e maggiore è la forza prodotta durante la contrazione del muscolo scheletrico).

immagine di Antonio Rosini di In Forma con Tony

AUTORE

Antonio Rozini

Sono un’appassionato di fitness, alimentazione sana e palestra che lavora e vive a Roma, la mia città natale. Avendo passato oltre un decennio a studiare il corpo umano e provare innumerevoli tipi di diete e allenamenti, ho deciso di creare questo portale con un team di esperti di supporto per condividere le nostre esperienze personali, le migliori risorse disponibili in Italia ed aiutare gli altri nel loro percorso verso una migliore versione di loro stessi.

Torna alla homepage

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *